Anna Ranalli Massoterapista in Padova

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Il massaggio ben eseguito

Quando un massaggio è ben eseguito?

E-mail Stampa

Alcuni, solitamente coloro che hanno poca esperienza con massaggiatori professionisti, ritengono che un trattamento ben eseguito sia svolto solo con manipolazione profonda molto energica e ritengono benefica la reazione dolorosa che questo genere di trattamento in genere provoca. Nulla di più sbagliato e pericoloso, tuttavia vi è un sentire ancora diffuso che l’efficacia del massaggio sia proporzionale alla sofferenza che questo provoca in chi lo subisce.

Ogni massoterapeuta esperto sa che l’efficacia del massaggio non è legata alla quantità di forza fisica che si imprime sul paziente ma alla qualità tecnica che si usa, diversa a seconda del quadro clinico definito dal medico. E’ noto che una manipolazione inadeguata e la conseguente violenta reazione dolorosa che si manifesta ad alcune ore dalla seduta di massaggio rallenta l’ottenimento del risultato atteso compromettendo per diverso tempo l’esito positivo e, a volte, può provocare anche danni significativi al paziente. Ho visto persone, manipolate da pseudo massaggiatrici, ricoperte di lividi dopo una seduta di massaggio! Una moderata reazione dolorosa è possibile ed in alcuni casi fisiologica a seguito dei primi trattamenti (una o due sedute) ma non dovrebbe essere mai eccessiva e deve tendere a scomparire con il prosiego della terapia. Mai assolutamente si devono provocare lividi.

Le moderne tecniche di massaggio, così come tutte le antiche tecniche orientali, sono tecniche dolci, per niente violente e, se eseguite da persone esperte, provocano reazioni controllate funzionali allo scopo.
Una seduta di massaggio efficace non deve provocare eccessi di reazione dolorosa, tantomeno ecchimosi o ematomi, al contrario, un buon massoterapeuta usa tecniche che non infiammano articolazioni e muscolatura, cerca il rilassamento delle parti contratte, affronta la zona dolente con progressione lenta, è attento alla fragilità dei capillari e rispetta il sistema circolatorio, dosando la sua azione sullo stato obiettivo e sulla sensibilità soggettiva del paziente.

Hits
 

Aggiungi commento

Regolette:
1 - posta commenti solo sui temi del sito;
2 - i commenti sono validati dal webmaster prima di essere pubblicati;
3 - firma il tuo commento;
4 - usa un tono costruttivo;
5 - evita offese, polemiche e termini volgari.
Grazie


Codice di sicurezza
Aggiorna


I più letti


Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.annaranalli.it/htdocs/modules/mod_mostread/helper.php on line 79

Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.annaranalli.it/htdocs/modules/mod_mostread/helper.php on line 79

Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.annaranalli.it/htdocs/modules/mod_mostread/helper.php on line 79

Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.annaranalli.it/htdocs/modules/mod_mostread/helper.php on line 79

Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.annaranalli.it/htdocs/modules/mod_mostread/helper.php on line 79

Notizie flash

Si dicono "dolori cervicali" i sintomi che interessano la zona del collo e della parte alta del dorso (sterno e trapezio). Più propriamente sono i dolori che originano nella zona delle 7 vertebre cervicali ovvero la parte terminale della colonna, quella che sostiene la testa. Alla palpazione si può avvertire chiaramente il punto di partenza delle cervicali, situato in corrispondenza della settima vertebra, con la particolare prominenza del suo "processo spinoso".

I dolori cervicali (cervicalgia) possono essere causati da traumi o originati da contratture muscolari, da problemi scheletrici, o essere un sintomo collegato a patologie diverse, per questo è sempre importante una indagine diagnostica medica in modo da localizzare il problema con certezza. Si parla infatti di "sindrome" cervicale proprio ad indicare una complessità di fattori come possibile origine dei sintomi e la varietà degli stessi.
Nella maggior parte dei casi, tuttavia, la cervicalgia è provocata dalla semplice contrattura della muscolatura del collo e delle spalle, essendo i problemi di natura ossea e cartilaginea abbastanza rari, almeno in giovane età, in rapporto alla percentuale di popolazione che ne soffre. Si stima infatti che ogni giorno 7 persone su 10 provino, pur con diversa intensità, dolori cervicali.

Le contratture muscolari alla zona cervicale possono anche causare vertigini, mal di testa, formicolio agli arti, accompagnati o meno da dolori che possono raggiungere un livello molto acuto fino a limitare fortemente il movimento del collo (è il cosiddetto "torcicollo").

La maggior parte delle cervicalgie originate dall'apparato muscolare possono essere trattate efficacemente dal massoterapista con un appropriato ciclo di sedute. Il massaggio interviene a sbloccare contratture e tonificare la muscolatura facendo rapidamente scomparire i sintomi più acuti (dolori e vertigini).

La ricomparsa dei sintomi è evitabile intervenendo sulle cause (errori posturali, scarsa o eccessiva attività fisica, stress, ecc.) e con sedute di mantenimento diluite nel tempo.

Se accusi una cervicalgia, originata da una contrattura muscolare, puoi contattarmi al numero 049 66 33 53, lascia un messaggio e il tuo recapito alla segreteria telefonica, ti richiamerò al più presto possibile per fissare un appuntamento per un chekup gratuito.